Il biglietto da visita!

Dato che il mio collega e’ in ferie io seguo i clienti alla cassa.

Stamattina e’ entrata una ragazza stupenda.

Non lo so, alta, 22? 24 anni?

Non ho guardato molto il corpo ma sembrava magrolina.. il fatto e’ il sorriso

E sono sbucato da dietro al bancone indossando la polo e un cacciavite in mano con la mia aria un po’ spaesata

Lei mi ha visto e mi fa un ciao con un bellissimo sorriso

Pure io sorrido e mi toglie ogni timidezza della serie ‘cazzo sono io che accolgo i clienti’ o ‘oh cazzo ho responsabilità’

‘Ciao, come ti posso aiutare?’ Sorridente

Lei ancora piu’ sorridente mi chiede il rinnovo dell’antivirus

“Guarda sono li sulla destra. Sai gia’ come si attiva il rinnovo?”

“Non preoccuparti l’ho gia’ fatto in passato.” Sempre con sto sorriso

Sembrava contenta di vedermi. Ed era luminosa, giuro!

Oh, allora ti chiamo il mio collega che ti fa lo scontrino.

Chiamo il collega, vedo che si intristisce un po’.

Le dico ciao ciao e me ne torno qua dietro.

La guardo di nascosto mentre esce dalla porta. E’ effettivamente piu’ triste.

Il ‘bom’ della porta mi fa pensare pensare pensare.

Avrei dovuto inseguirla fuori dalla porta, hei! Hei tu! Ti volevo ringraziare!

E avrebbe fatto una faccia strana (non troppo strana se i sorrisi erano quello che pensavo)

E io: si, cioe’, sono appena tornato dall’Irlanda, 17 giorni in moto, e ora sono tornato qui, in questo negozio bruttissimo, ma non dirlo al mio capo, e tu col tuo sorriso mi hai illuminato una giornata che altrimenti sarebbe stata grigia come le prossime 360qualcosa che mi separano dalle prossime vacanze. Quindi grazie!

Ed ecco il mio biglietto da visita, per qualsiasi cosa.

Ciao, buona giornata. Grazie ancora. E poi sarei tornato in negozio.

E l’unico problema e’ che non ho un biglietto da visita e tutto questo e’ stato solo un sogno.

Devo farmi dei biglietti da visita.

Questa voce è stata pubblicata in fly, love. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.